DCyNJxh-taIgzJ3IN7RNqlTI0IQrJxlA7md7j2fcNKoUA-45734601-1
Shopping Cart
Your Cart is Empty
Quantity:
Subtotal
Taxes
Shipping
Total
There was an error with PayPalClick here to try again
CelebrateThank you for your business!You should be receiving an order confirmation from Paypal shortly.Exit Shopping Cart

Paolo Zebolino

Ghirondista, cantante e compositore

Blog

Blog

Talento, intelligenza e musicisti

Posted on August 10, 2020 at 4:35 AM

Secondo Carol Dweck, ricercatrice presso la Stanford University, ci sono due tipi di mentalità: una mentalità fissa e una mentalità di crescita.

In una mentalità fissa, le persone credono che le loro qualità siano tratti fissi e quindi non possano cambiare. Queste persone cercano di mostrare la loro intelligenza e i loro talenti piuttosto che lavorare per svilupparli e migliorarli. Credono anche che il talento da solo porti al successo e che lo sforzo non sia richiesto.

In alternativa, in una mentalità di crescita, le persone hanno la convinzione di fondo che il loro apprendimento e la loro intelligenza possano crescere con il tempo e l’esperienza. Quando le persone credono di poter diventare più intelligenti, si rendono conto che il loro impegno ha un effetto sul loro successo, quindi dedicano tempo extra, portando a risultati migliori.

C’è un bel diagramma che applica questo schema alla percezione del talento musicale e che mette in guardia. Quando si pensa che il talento sia innato e non si possa sviluppare, se non ci si mette in gioco, se non si accettano le critiche, se prevale l’invidia, ecc. forse bisognerebbe fare uno sforzo e passare dall’altra parte (e operare per diventare più intelligenti).



Categories: None

Post a Comment

Oops!

Oops, you forgot something.

Oops!

The words you entered did not match the given text. Please try again.

Already a member? Sign In

0 Comments

0